La Dittatura Sanitaria – Difendiamo la Libertà di Pensiero

Signore e signori sveglia! Non c’è più tempo. La dittatura sanitaria avanza e non possiamo permetterci di stare a guardare, di dubitare, di delegare ad altri perché, che lo si voglia o meno, siamo tutti coinvolti. Il fronte della battaglia oggi è la reintroduzione dell’obbligo vaccinale, ma la lotta è più estesa di quello che potrebbe sembrare e, se il fronte cade, nessuno potrà più sentirsi al sicuro od escluso da logiche di governo che da tempo non hanno nulla a che vedere con il benessere del popolo.

È notizia di questi giorni che è pronto un decreto legge a firma del ministro Lorenzin per la reintroduzione dell’obbligo di vaccinazione come requisito indispensabile per poter frequentare la scuola pubblica. Proposte di questo spessore dovrebbero far accapponare la pelle a chiunque, se non altro perché con poche righe si andrebbero a distruggere norme costituzionali, decreti presidenziali, diritti universalmente riconosciuti e convenzioni internazionali recepite dal nostro ordinamento giuridico. Ora, per capire dove sta il vero pericolo non è necessario essere a favore o contro la pratica vaccinale, divisione utile solo a chi tira i fili del teatrino, ma dobbiamo allargare i nostri orizzonti. Oggi si sta cercando di obbligare una parte di popolazione ad accettare una pratica preventiva in assenza di qualunque epidemia, perché così ha deciso un ministro che non gode certo di fama per i suoi meriti in campo sanitario. Si vuole imporre un trattamento medico in nome di una sicurezza tutta da dimostrare, di una certezza sull’efficacia altrettanto labile e in sfregio a diritti universali, e alle buone pratiche mediche che richiederebbero prudenza e personalizzazione del trattamento. Di fatto oggi si vuole introdurre un obbligo con il ricatto dell’esclusione dall’educazione. E dopo questa, cos’altro si inventeranno? Magari una bella chemioterapia preventiva per poter lavorare, “sicuri” che non ci ammaleremo di cancro. Oppure un ciclo mensile di antibiotici per tutti, pena il divieto di entrare in qualunque luogo pubblico. Non vorremmo certo rischiare di avere cittadini che diffondono batteri ovunque, vero? Oggi la parola d’ordine indiscutibile è “protocollo” e del resto è per il benessere di tutti, come ci ricorda spesso il “ministero della Verità”. E nel frattempo si continua con la caccia agli untori e alle streghe. Perché se sei un genitore dubbioso sul vaccinare o meno tuo figlio, allora vieni etichettato come anti-vax, senza mezzi termini o giustificazioni. E lo stesso, anzi peggio, se sei un medico o un ricercatore che in scienza e coscienza si permette di avanzare anche solo il dubbio che una certa pratica, così come proposta, possa avere controindicazioni per qualcuno.

Lo abbiamo visto con il dottor Gava, di recente radiato dall’Ordine dei Medici di Treviso, lo vediamo con i richiami e le richieste di chiarimento che serpeggiano un po’ in tutto lo stivale, negli studi di medici e pediatri che si definiscono anche solo prudenti. E lo riscontriamo ancora per il dott. Miedico, chiamato all’ordine dei Medici di Milano, per chiarire le sue posizioni. Posizioni che chiunque può conoscere, verificare e condividere poiché da sempre sono basate, non sulla contrarietà alle vaccinazioni, ma bensì su una pratica che sia il più possibile cauta, personalizzata e specifica e rispettosa di ogni individuo. Il dott. Miedico esprimerà il suo diritto al libero pensiero e alla critica costruttiva, quando supportata da dati oggettivi verificabili, e noi tutti abbiamo il dovere morale di lottare insieme per pretendere che la medicina ritorni al suo ruolo di costante ricerca e confronto, non intrisa di dogmatismo e orientata ad un unico pensiero.

Ecco perché Riprendiamoci Il Pianeta sarà al fianco del dott. Miedico, di Medicina Democratica e del gruppo Genitori del NO OBBLIGO Lombardia, presso L’Ordine dei Medici di Milano, il 20 Maggio 2017 in via De Amicis 44 a Milano, con concentramento presso la fermata MM Linea 2 S. Ambrogio alle ore 9:30. Insieme, ed insieme a tutti coloro che vorranno partecipare, daremo il nostro sostegno al dott. Miedico che da sempre è, per tanti genitori ed associazioni, un punto di riferimento per la sua professionalità, esperienza, coerenza ed onestà intellettuale. Lotteremo per supportare un uomo di indubbia moralità che in questi anni è stato al fianco anche di Riprendiamoci Il Pianeta per difendere i diritti di tutti. Siete tutti invitati ad unirvi a noi per difendere la libertà di pensiero!

Vaccini, la Lorenzin vuole impedire la libertà in tutta Europa

Beatrice Lorenzin, ovviamente niente a che vedere con la creatura angelica declamata da Dante nella sua Divina Commedia. Questo invece, è un personaggio della tragedia che si sta verificando in Italia, in Europa e nel mondo, e invece che col paradiso, ha a che fare con i vaccini. Questa liceale classica, che è divenuta massima custode della salute di tutti gli italiani, bisogna dire che è veramente incazzata con chiunque metta in discussione i vaccini così come oggi sono concepiti.

Già è riuscita a proibire la proiezione del film inchiesta Vaxxed: From Cover Up to Catastrophe (guardatelo, ne vale veramente la pena) all’interno del Parlamento italiano, è ora riuscita ad impedire che venisse proiettato all’interno del Parlamento europeo. Ma chi difende veramente la Lorenzin? Siamo sicuri che sia solo preoccupata della salute dei nostri bambini? Io sinceramente qualche dubbio ce l’ho, anche perché il dato di fondo è che centinaia di milioni di euro finiranno nelle tasche delle multinazionali del farmaco, grazie all’obbligatorietà dei vaccini, adottata dal nostro governo per i nidi e le materne. Obbligo che vorrebbero estendere a tutte le scuole di ogni ordine e grado. Sì dai, vacciniamoci tutti sempre e comunque! Personalmente, ritengo che siamo davanti a un colpo di stato del fascismo sanitario.

Intanto bisognerebbe partire dal rispetto dell’articolo 32 della Costituzione, che garantisce la libertà di cura, ma visto che questi riciclati di governo hanno dimostrato di fregarsene alla grande della Costituzione italiana, dobbiamo stare ancora più attenti, perché questi stanno instaurando una vera e propria dittatura, nella quale il popolo, che già conta come il due di coppe quando vale bastoni, non potrà decidere proprio più niente.

Però vi dò un suggerimento, cari politicanti all’arrembaggio, state in campana anche voi, perché avete davanti il Drago che dorme, e lo ha dimostrato il referendum costituzionale, nel quale avete preso una sberla, che ancora è poco, ma che potrebbe farvi riflettere. Infatti, col vostro tentativo di stringere ancora di più il vostro dominio, avete risvegliato, seppur per poco tempo, il Drago che rappresenta il popolo italiano, che proprio stupido del tutto, come avete visto, non è.

Occhio quindi, che se ci svegliamo, e sarebbe l’ora, potreste finalmente andare a svolgere lavori socialmente utili, invece di devastare l’Italia. Il problema è che ancora nessuno, e ribadisco nessuno, nel nostro paese è in grado di coalizzare l’enorme disagio che gran parte della popolazione prova ormai da tantissimi anni. Non ci sono programmi veri,  in nessun partito o movimento, in grado di modificare strutturalmente questo sistema nella mani di quel Nuovo Ordine Mondiale, amministrato da occulte Massonerie, vera feccia del pianeta, che fa della guerra, della malattia e della distruzione, la propria ragione di essere e di guadagno.

Noi di Riprendiamoci il Pianeta – Movimento di Resistenza Umana se non altro ci riconosciamo in un programma che ha come cardine il rispetto per la vita al di sopra di ogni altra cosa, che non mi è sembrato di vedere nel programma di nessun partito o movimento, ammesso poi che un programma ce l’abbiano… ed è per questo che ci schieriamo a favore della libertà di scelta di cura, in genere, ed in particolare per i vaccini.

L’arroganza del potere, che impone vaccini a tutti, ripeto, oltre a fare l’interesse di multinazionali che non si sono mai distinte per la loro umanità, ma piuttosto per la ricerca del profitto, si fonda su tutto tranne che la scienza, che tanto viene sventolata, ma che non viene mai mostrata, dando per scontato che la scienza sono ‘loro’. Ma io intanto dubito di questa ‘scienza’ perché, nella sanità italiana e mondiale, ha dato troppi esempi di corruzione.

Poi basterebbe che la Lorenzin rispondesse, non a tutte le domande, che potrebbero essere tantissime, ma solo ad alcune, come per esempio:

1. Dove sono le sperimentazioni e le analisi compiute sui vaccini dalle case produttrici?

2. Perché il Ministero della Sanità, di fronte alle segnalazioni di tante ricerche indipendenti, invece di finanziare analisi autonome, si fida ciecamente di quanto semplicemente affermato dalla farmaceutiche, e scredita tutto il resto come bufala?

3. Le uniche analisi serie sui vaccini in Italia sono quelle condotte dal dottor Montanari e dalla dottoressa Gatti, pubblicate recentemente nell’articolo New Quality-Control Investigations on Vaccines: Micro- and Nanocontamination che sono a dir poco inquietanti, perché dimostrano che le decine di vaccini analizzati risultano tutti contaminati da nanoparticelle di metallo. Lorenzin, cosa vogliamo dire al riguardo? Tutta salute? Sono sicuri i vaccini?

4. Cosa ci fanno nei vaccini adiuvanti come alluminio, mercurio, squalene, ed altri, considerati fra le sostanze più tossiche al mondo? Dobbiamo veramente iniettarle nel corpicino di un neonato?

5. Questa non è una domanda, ma un’affermazione, ma smettetela con sta balla dell’immunità di gregge, non sta in piedi da nessuna parte, e vi serve solo a spaventare la gente, per convincerla a vaccinarsi. E di che gregge stiamo parlando? Quello che garantisce i profitti a Big Pharma?

Ecco ministro, ci dia qualche risposta, e magari dopo ci calmeremo, ma anche dopo, vorremo continuare a poter decidere che cosa fare della salute dei nostri figli, senza che nessun politicante ci venga a dire che dobbiamo per forza fare qualcosa di cui lui, o lei, sia convinto. Senza che nessuno vieti la libertà di informazione, che è sempre più limitata in questo paese, messo peggio che il cosiddetto terzo mondo.

Nel frattempo cara Lorenzin, non stiamo tranquilli, no no, e il 21 marzo 2017 verremo a trovarla a Roma davanti al Parlamento, e vedrà che saremo in tanti, nella manifestazione per la libertà di scelta vaccinale organizzata dal Comilva ma che vedrà la partecipazione di tante altre associazioni e comitati. Poi il 1° aprile 2017, le organizzeremo un bel pescetto a Modena, dove noi di Riprendiamoci il Pianeta faremo un’altra manifestazione, che terminerà con un bel dibattito pubblico informativo sulla scelta vaccinale.

Come si diceva nella mia gioventù, non è che l’inizio la lotta continua, forse il Drago si sta risvegliando…