Vaccini, migliaia in piazza, pubblicati i preoccupanti dati AIFA, ma dove sono i giornalisti?

Ieri 3 giugno 2017 sono scese in piazza migliaia e migliaia di persone in tantissime città italiane, per protestare contro il decreto ‘leggermente’ autoritario voluto dalla ministra Beatrice Lorenzin, che prevede l’obbligo per dodici vaccinazioni, pena l’esclusione dalle scuole di ogni ordine e grado. Nessun organo di stampa, o televisione, ha riportato l’avvenimento. Qualche giorno fa, dopo che il Codacons aveva presentato denuncia contro l’AIFA, sono stati pubblicati i dati sulle segnalazioni da reazioni avverse causate dai vaccini negli ultimi tre anni, dai quali si evince che le medesime sono oltre ventunomila, con centinaia di casi gravi, e cinque morti. Nessun organo di stampa, o televisione ha riportato la notizia.

Si capisce anche da queste cose perché l’Italia è al settantasettesimo posto nella classifica mondiale della libertà di stampa, perché forse non esiste. I media si sono schierati compatti nei mesi scorsi a sostegno delle tesi ufficiali sui vaccini, sul fatto che sono assolutamente sicuri, che è giusto renderli obbligatori, senza nemmeno citare ciò che la legge attuale prevederebbe in materia di sicurezza sui vaccini. Spesso poi sono stati organizzati veri e propri agguati mediatici in vari studi televisivi nei quali, con tecniche mediatiche pluri-collaudate, il malcapitato esponente di chi vorrebbe più sicurezza in materia di vaccini, è stato fatto passare come un povero deficiente.

La maggioranza di coloro che vengono definiti no-vax, in realtà non sono contro i vaccini, ma sono in primo luogo per la libertà di scelta terapeutica , cosa sacrosanta sancita dalla nostra Costituzione. Poi sono per il diritto allo studio, altra cosa sacrosanta sancita sempre dalla nostra Costituzione. Infine, chi è sceso in piazza ieri, vuole semplicemente vaccini sicuri, somministrati in maniera intelligente, quando veramente necessari, e non indiscriminatamente, come prevede il Decreto Legge che dovrebbe essere pubblicato a breve. E l’intelligenza nella somministrazione potrebbe risparmiare gran parte delle reazioni avverse segnalate anche dall’AIFA.

Il fatto poi che vengano radiati bravissimi medici solo perché suggeriscono cautele nella somministrazione dei vaccini, con motivazioni che fra l’altro devono ancora essere rese pubbliche a distanza di tempo, mentre criminali comprovati rimangano tranquillamente al loro posto, è una cosa che fa riflettere sull’andamento di questo nostro paese, nel quale sembra che chi ha attitudini criminali, in ogni settore della vita pubblica,  venga tutelato meglio di chi si comporta in maniera onesta e veritiera. Personalmente sono molto stanco della realtà che stiamo vivendo in Italia, grazie ad una classe politica, che oltre a fare solo i propri interessi, pare anche accanita contro il suo popolo, danneggiandolo in tutti i modi.

E come presidente dell’associazione Riprendiamoci il Pianeta – Movimento di Resistenza Umana sono oltremodo indignato da quello che sta accadendo nel nostro paese, da tanti punti di vista, ma in particolare da ciò a cui vogliono obbligarci in materia di vaccini, che di fatto fa un enorme regalo a quei ‘benefattori dell’umanità’ che sono le case farmaceutiche, o multinazionali del farmaco che dir si voglia. Per cui dichiaro che d’ora in poi scendiamo in lotta contro le modalità imposteci dal governo, e non ci fermeremo finché non avremo affermato completamente ragionevolezza, vera scienza ed umanità in campo vaccinale, e non solo.

Infatti a questo proposito, consapevoli dei nemmeno tanti velati intenti governativi di colpire in campo terapeutico tutto ciò che sfugge alle grinfie delle multinazionali, a partire dall’omeopatia, per continuare con tutto ciò che propone approcci terapeutici naturali, vogliamo proporre la costituzione di una Associazione per la Libera Scelta Terapeutica, che raccolga, medici, operatori olistici e tutti i cittadini che si riconoscono in questa volontà di libera scelta. L’intento è in primo luogo quello di offrire assistenza, anche legale, ai medici che stanno finendo nel mirino dell’Ordine dei Medici, che se fosse abolito con tutti gli altri ordini ci toglieremmo di torno degli inutili orpelli.

Poi vorremmo fornire assistenza concreta, anche legale, a tutti i genitori che si trovano ora nella necessità di essere tutelati di fronte alle antidemocratiche imposizioni governative, perché devono iscrivere i figli a scuola, e magari non vogliono vaccinarli. Infine vogliamo passare al contrattacco, nei confronti di un governo che pare non avere intenzione di rispettare alcune elementari norme di democrazia sancite dalla nostra Costituzione repubblicana, affermando fino in fondo la libertà di scelta terapeutica in ogni settore medico, anche se questo dovesse togliere, Dio non voglia, profitti alle multinazionali del farmaco.

Non ultimo, stiamo lavorando alla creazione di un archivio online per mettere a disposizione delle persone tutto il materiale utile, e necessario, per muoversi nel settore di cui stiamo parlando, oltre ad una specie di ‘sportello telematico’ della serie l’esperto risponde, per essere d’aiuto a tutti coloro che, sia in materia di vaccini, ma anche di scelta terapeutica, vogliono continuare ad esercitare liberamente i propri diritti.

Cominciamo intanto col partecipare oggi a Bergamo a questa importante iniziativa, denominata La Voce dei Fantasmi che vedrà partecipare danneggiati da vaccino, da uranio impoverito, amianto, sostanze chimiche, e agenti biologici, proprio per dare voce a una categoria che in Italia pare non dovere esistere, una categoria di fantasmi per l’appunto, che è quella dei danneggiati. Dai che è ora di risollevare la testa, uniti si può vincere.

 

Vaccini, Radiato si radiato no: avanti. Dopo il Dott. Gava chi sarà il prossimo?

E’ notizia di ieri del primo caso italiano di radiazione dall’Ordine dei Medici di Treviso  nei confronti del  Dott. Roberto Gava “per la sua presunta posizione anti-vaccini”. Il Codacons che si è schierato a favore del medico radiato ha deciso di denunciare l’Ordine dei Medici di Treviso chiedendo di aprire una indagine per le possibili fattispecie  di violenza privata e abuso d’ufficio, ma ha anche invitato i medici italiani contrari alla decisione dell’Ordine di Treviso a non lasciarsi intimorire e ad inviare una mail per manifestare la propria contrarietà a questa decisione. La  risposta della politica ovvero della Ministra della Sanità Beatrice Lorenzin appena riconfermata nel governo Gentiloni non poteva che essere a favore della decisione dellOrdine dei Medici di Treviso confermando che i vaccini sono assolutamente sicuri senza indicare nessun tipo di studio o indagini a conferma delle sue dichiarazioni.

La sensazione che suscita questo tipo di notizie è che sembra di essere davanti  alla rinascita di un nuovo Tribunale dell’Inquisizione che  oggi conierei con il nome di Ordine dei Medici che forse ha già pronto il prossimo passo cioè quello di bruciare vivi in piazza i medici che oseranno avanzare perplessità circa il tema delle vaccinazioni, così come si faceva durante il periodo dell’Inquisizione con i soggetti accusati di eresia, un vero e proprio  atto di censura di stampo medievale che fa temere per la libertà dei camici bianchi nel nostro paese.

Tutto ciò mi riporta  a quando da bambina la maestra delle elementari, per assentarsi qualche minuto dall’aula, affidava a qualcuno di noi l’ingrato compito di andare alla lavagna e scrivere i nomi dei buoni e dei cattivi. Ecco di seguito un bell’esempio di radiazione riassunto per sommi capi in questo modo:

 

NON VIENE RADIATO chi

-spacca le ossa ai pazienti per allenarsi. Dott. Norberto Confalonieri primario di ortopedia dell’ospedale Gaetano Pini di Milano 2017

-fa a gara con i colleghi a chi infila in vena la cannula più spessa. Alcuni medici e infermieri dell’Ospedale di Vicenza.2016

– opera pazienti sani per ricevere rimborsi. Dott. Brega Massone ex primario Clinica Santa Rita di Milano più altri 2015

– ammazza gli anziani con cocktail di farmaci. Dott.Leonardo Cazzaniga viceprimario anestesista e Laura Taroni infermiera del Pronto soccorso dell’ospedale di Saronno.2016

– somministra a bambini e neonati ormoni per intascare mazzette da chi li produce. Nel 1991 l’on. De Lorenzo allora responsabile del settore farmaceutico e  Duilio Poggiolini intascarono 600.000.000 di lire dall’azienda Glaxo-SmithKline unica produttrice del vaccino Eugerix B per rendere obbligatorio il vaccino per l’epatite B

– convincono ad adottare il latte artificiale invece di quello materno sempre dietro mazzette di chi lo produce. Nel 2014 18 pediatri tra cui 2 primari arrestati nelle regioni Toscana lombardia Marche e Liguria 

L’elenco sarebbe molto lungo e questo è solo esemplificativo di una lunga catena di corruzione e malasanità.

VIENE RADIATO  chi, stimato da tutti i suoi pazienti, suggerisce di valutare rischi e benefici di ogni vaccino e di fare una valutazione individuale della situazione clinica del bambino prima di sottoporlo a 9-10 vaccinazioni contemporanee per minimizzare la probabilità di reazioni avverse. Dott. Roberto Gava 22 aprile 2017

Chapeau non c’è che dire.

Vorrei  mandare un messaggio a tutti quei medici che forse hanno dimenticato la vera ragione della loro professione augurando loro  di poter ritrovare la propria umanità verso chi soffre e lo faccio semplicemente riportando queste parole scritte dal mio papà  nel 1941 quando era ancora uno studente di medicina  dell’università La Sapienza di Roma, una sorta di personale giuramento di Ippocrate:

“O Dio, riempi la mia anima di amore per l’arte e per tutte le creature.

Non permettere che la sete del guadagno e la ricerca della gloria mi facciano deviare nell’esercizio della mia arte, poichè i nemici della verità e dell’amore degli uomini potrebbero facilmente corrompermi ed allontanarmi dal nobile dovere di fare del bene ai figli tuoi.

Sostieni le forze del mio cuore perchè esso sia sempre pronto a servire il povero e il ricco, l’amico e il nemico, il buono e il cattivo.

Fa che io non veda che l’uomo in colui che soffre. 

Allontana da me l’idea che io possa tutto.

Dammi la forza, la volontà, l’occasione di aumentare sempre più le mie conoscenze. Io posso oggi scoprire nel mio sapere cose che ieri non supponevo, poichè l’arte è grande e lo spirito dell’uomo va sempre avanti”.