Vaccini: Uniti per Difendere la Libertà di Scelta

Accade in Italia, a Milano, che un corteo di circa 380 persone sfili lungo piazza del Duomo sotto la pioggia battente, in nome della libertà di scelta, opponendosi all’obbligatorietà vaccinale a cui la classe politica italiana vuole sottoporre tutti i bambini previa iscrizione all’asilo nido.

Siamo noi di Riprendiamoci Il Pianeta insieme al Gruppo dei Genitori del No Obbligo Lombardia e a tante persone motivate e interessate, alla Manifestazione Nazionale per la Libertà di Scelta sui Vaccini – Milano, 6 Maggio 2017.

Nello stesso momento accade che altri gruppi, a Treviso e a Firenze, stiano manifestando per la stessa libertà di scelta. Accade che questo avvenga nella totale assenza – omertosa – della stampa e della televisione connazionale. Accade che al convegno organizzato le sale siano gremite da una folla di persone – un grazie ancora al dottor Dario Miedico, Federica Santi e al dottor Giuseppe De Matteis testimonianze preziose di chi è rimasto danneggiato dai vaccini, di chi li ha studiati e non è convinto dei vantaggi.

Accade invece che a Rimini, una tavola rotonda sul tema delle vaccinazioni, organizzata con largo anticipo, venga fatta saltare dal Comune ospitante “causa pressioni dall’alto”: accade la censura. Accade che vengano minacciati e radiati dall’albo i medici che sostengono “il ragionevole dubbio”, come il Dottor Gava, che non accettano l’etichetta “no vax”, ma che vogliono aprire un dibattito, fare chiarezze, che portano avanti studi, ricerche indipendenti su ciò che sono i vaccini, sugli effetti, sulla composizione, sulle pratiche e profilassi mediche alternative, ascoltando e accogliendo la casistica delle diverse situazioni e dei danni causati dalle vaccinazioni di massa.

Accade sempre in Italia che la Costituzione non venga più rispettata, come l’articolo 21 sulla libertà di pensiero e l’articolo 32 sulla libertà di cura, che le leggi vengano mistificate – la potestà del genitore comporta l’assunzione di doveri nei confronti dei propri figli… in poche parole: deve decidere il genitore per il figlio e non lo Stato… quindi?!?

Continua ad accadere che il governo svenda la salute e la sicurezza dei cittadini italiani alle lobby delle multinazionali per un piatto di quattrini… e chi mangerà?

E accade che il dottor Dario Miedico, uno dei più autorevoli dottori in ambito vaccinale, con 40 anni di esperienza alla spalle, debba presentarsi nuovamente all’Ordine dei medici, questo sarà il prossimo 20 maggio 2017 in via De Amicis 44 a Milano alle ore 9.15, dopo essere già stato convocato, per dare spiegazione della sua posizione professionale, del perché ritenga esistano svantaggi in una pratica indiscriminata e obbligatoria delle vaccinazioni, somministrate massicciamente ai bambini di pochi mesi. E’ un fatto che la democrazia non esista più: che l’arroganza e la paura vengano irrorate in ogni ambito delle nostra vita come uno spray anestetizzante, che ci vogliono togliere la libertà, che è responsabilità, scelta, esserci in prima linea, che ci obblighino a rinunciarvi.

Ma è chiaro che noi diciamo No! Perché la vita è il dono più grande e lo vogliamo onorare, facendocene carico, difendendola, assumendoci il rischio di essere vivi con tutta l’infinita bellezza e la scoperta di senso che ci aspetta.

E così, in questo momento così cupo, tante persone, nella varietà della propria esistenza si stanno riconoscendo unite. La luce negli occhi ci fa riconoscere.

Non abbiate paura ci esorta il Dottor Miedico, non esiste la paura ci dice Massimo Rodolfi.

E’ solo l’inizio di una nuova grande avventura. Informarsi, diventare consapevoli per poter compiere le nostre scelte, poterlo fare con il sostegno degli altri, confrontandosi liberamente nella ricerca del bene comune, è questa la via che stiamo tracciando. Andiamo avanti sempre più uniti, ci vogliono massa, diventiamo allora quella massa critica capace di ribaltare questo sistema malato e corrotto! E costruiamo un nuovo mondo.

Riprendiamoci Il Pianeta sarà presente il 20 maggio all’Ordine dei medici a fianco del Dottor Miedico. Per tutte le nostre future iniziative vi rimandiamo al nostro sito web.

Guarda il video del Convegno Nazionale per la Libertà di Scelta sui Vaccini – Milano, 6 Maggio 2017.

Commissione Salute di Riprendiamoci Il Pianeta http://riprendiamociilpianeta.it/presentazione-r-p-salute/

Vaccini, autismo e la manifestazione di Modena

Il Convegno

 

È per me impressionante vedere quante forze filo-governative vengono schierate in quella che ormai si configura come una vera e propria battaglia di democrazia per libertà di scelta sui vaccini. Giornalisti televisivi e non, presunti scienziati, show man di ogni genere, testate di moda e femminili, tra un consiglio sulla cellulite e uno sul tacco, tutti si stanno prodigando in una violenta campagna pro-vaccini.

I dati che emergono sono in realtà preoccupanti, e si evidenziano alcuni nodi che segnalano la deriva autoritaria di un paese come il nostro che già non gode di ottima salute dal punto di vista democratico. In primo luogo l’imposizione della scelta vaccinale è una gravissima violazione dei dettami costituzionali, che garantiscono la libertà di cura. Gli argomenti che vengono utilizzati per avvallare questo scivolamento di stampo fascista, sono relativi alla necessità di tutelare la salute della popolazione, che verrebbe messa a rischio da chi non si vaccina, minando l’immunità di gregge. Inoltre, vengono da tempo strombazzate presunte epidemie devastanti che colpirebbero la popolazione italiana, magari proprio a causa di persone non vaccinate.

Il fatto è che, secondo i dati a disposizione, non siamo mai stati in presenza di nessun tipo di epidemia, né di meningite, né di morbillo, per cui possiamo considerare che l’unico vero effetto di queste menzogne usate per terrorizzare la popolazione sia stato quello di spingere masse di persone a vaccinarsi inutilmente, con grandi profitti da parte delle multinazionali del farmaco. Guardare sempre cui prodest… nelle azioni dei nostri disinteressati politici!

Non ho intenzione in questa sede di essere esaustivo sull’argomento, ma Santo Dio, mi sembra che ci siano sufficienti motivi per avere qualche dubbio, non tanto magari sull’utilità in sé dei vaccini, quanto piuttosto sull’uso indiscriminato e commerciale che in effetti se ne fa, e se ne vuole sempre più fare. Perché imporli in condizioni ordinarie, e non di emergenza sanitaria?

A parte il fatto, che se abbiamo un minimo di memoria, possiamo anche ricordare come in passato, epidemie come quella dell’influenza aviaria, siano state proclamate, senza alcun fondamento, generando terrore nella popolazione italiana e mondiale, scelta che, ancora una volta portò non pochi profitti alle multinazionale del farmaco, che solo in Italia poterono vendere 150 milioni di vaccini, rimasti poi inutilizzati, ed in seguito riciclati come normali vaccini influenzali. E intanto il popolo paga…

Nessuno informa i genitori del bambino che va a vaccinarsi, dei reali rischi che corre con l’inoculazione del vaccino. E questi rischi non sono ipotesi da complottista, ma sono anche citati nei bugiardini dei vaccini. E lo comprovano le centinaia di risarcimenti per danno da vaccino riconosciute dallo stato italiano, e le altre migliaia di casi, in aumento, segnalati, o in attesa di giudizio.

Nessuno informa i genitori del fatto che il bambino potrebbe anche essere immune naturalmente per la malattia per la quale sta per vaccinarsi, e che basterebbe un semplice esame per certificarlo. Nessuno informa del fatto che in certi casi il virus attenuato del vaccino può essere causa della malattia, e di un eventuale diffusione di contagio. Nessuno informa del fatto che il vaccino potrebbe non immunizzare, e comunque, nel migliore dei casi, immunizza solo per qualche anno, Nessuno poi cita di sicuro le analisi indipendenti che certificano la presenta di contaminanti all’interno dei vaccini, come le nanoparticelle di metalli rilevate dai coniugi Montanari con le loro ricerche.

Quello che si fa, di solito, è definire ciarlatani tutti coloro che presentano analisi alternative a quelle inesistenti delle ditte farmaceutiche, e alle altrettanto inesistenti garanzie offerte dal Ministero della Salute. Ma se i vaccini sono così utili e sicuri, perché invece di far firmare il consenso ai genitori, non si fa firmare una certificazione al ministro della salute, che risarcisca personalmente la famiglia in caso di danni da vaccino? Perché vedete, in ogni caso, siamo sempre noi a pagare. Noi quando dicono di darci gratis i vaccini, noi che paghiamo per i risarcimenti, noi che paghiamo anche chi dovrebbe tutelare la nostra salute, invece di quella delle ditte farmaceutiche. Avremo almeno il diritto di scegliere se volerli o no questi vaccini?

L’ultima che ho letto proprio pochi minuti fa, è quella che afferma che le ricerche dei coniugi Montanari sono delle bufale, perché è normale che ci siano nanoparticelle ovunque. Mi sa che deve essere qualcuno di quelli che dicono che gli inceneritori fanno bene alla salute, che le scie chimiche non esistono e che gli OGM risolvono il problema della fame nel mondo. Vogliamo renderci conto che esistono interessi mondiali che operano contro il bene dell’umanità, che se ne fottono della nostra salute e di quella del pianeta? Perché dobbiamo sottostare alle loro esigenze senza nemmeno il diritto di fiatare?

Ieri poi si è celebrata la giornata dell’autismo, e non ho potuto evitare di sentirmi triste e deluso. Triste perché il fenomeno è in aumento esponenziale in tutto il mondo, deluso perché, per l’ennesima volta, l’ennesimo ‘lampadario’ della scienza è sceso in campo per rassicurarci sul fatto che non esiste correlazione tra autismo e vaccini. Chissà perché però, quando vedo un supposto luminare in televisione rassicurarci su qualcosa, mi vengono in mente i cardiologi modenesi che operavano al cuore gente sana, oppure il caro vecchio Poggiolini con i suoi puff pieni di soldi, o magari quell’altro luminare, ed è notizia di questi giorni, che ha rotto il femore a una signora tanto per esercitarsi. E mi viene in mente anche il rapporto di Transparency Italia, che ci informa che nel 37% delle ASL italiane vi è corruzione, o magari il fatto che Big Pharma sia sotto inchiesta in diversi paesi per aver corrotto medici, politici, agenti di commercio, cliniche, ospedali, e tutta la compagnia cantante.

Allora faccio due conti e penso che forse, se vedo i politici fare delle scelte che favoriscono gli interessi delle multinazionali, è lecito che la mia mente si interroghi a fondo sui veri motivi delle scelte che vogliono impormi. In ogni caso, non nego che ho dei pregiudizi, e che se devo scegliere se dare fiducia al ‘lampadario’ di turno, o alla mamma che mi racconta di suo figlio che è diventato autistico dopo le vaccinazioni, dò fiducia alla mamma. E certamente sarà anche un caso che negli Stati Uniti si sia passati nel giro di poco tempo da un caso di autismo ogni diecimila bambini a uno ogni sessantotto, ma sembra strano che a nessuno dei nostri governanti, o medici, venga il sospetto che ci possa essere una correlazione tra l’introduzione delle vaccinazioni di massa e l’aumento esponenziale dell’autismo.

Bé… devo dire che come presidente dell’associazione Riprendiamoci il Pianeta – Movimento di Resistenza Umana, assieme ai miei compagni di associazione, qualche dubbio ce lo siamo fatto venire, ed è per questo che per sabato scorso, 1° aprile 2017, abbiamo organizzato a Modena una Manifestazione Nazionale per la Libertà di Scelta sui Vaccini, con annesso Convegno, che ha visto la presenza di relatori qualificati, ma soprattutto interessati alla salute dell’umanità.

La manifestazione ha visto sfilare in modo pacifico e gioioso, per le vie del centro di Modena, centinaia di persone, fra le quali tantissimi bambini, che hanno ribadito il loro no alla legge regionale di obbligo vaccinale per accedere al nido e alla scuola materna. Caro Bonaccini, e caro PD, questi di sicuro non vi voteranno alle prossime elezioni, e vi garantisco che molti altri seguiranno. Il convegno poi, che ha visto pieno ‘murato’ il teatro Sacro Cuore, ha inchiodato alla sedia le centinaia di persone presenti, dall’inizio alla fine, attentissime alle argomentazioni, e alle esperienze, dei bravi relatori che si sono succeduti sul palco.

Dopo la mia introduzione, come presidente di Riprendiamoci il Pianeta, sono intervenuti il dottor Massimo Pietrangeli, pediatra allergologo ed omotossicologo che ci ha parlato dell’importanza di una informazione puntuale, corretta, completa e indipendente, per una scelta libera e più consapevole. Poi Alessandro Lippo ci ha parlato dell’autodeterminazione in ambito vaccinale. Federica Santi, autrice del libro Non Vivo in una Bolla, ci ha raccontato l’esperienza della sua famiglia, dopo che il figlio Nicola ha contratto l’autismo in seguito alle vaccinazioni. Il dottor Dario Miedico, medico legale a nome di Medicina Democratica – Movimento di Lotta per la Salute, ci ha parlato delle vaccinazioni tra scienza e diritto. Infine Ana Diana Demian, di Genitori del No Emilia Romagna, ci ha illustrato il ricorso che questo gruppo di madri ha fatto al TAR regionale.

A fronte dell’arroganza e dell’inconsistenza delle tesi ufficiali a sostegno delle vaccinazioni indiscriminate ed obbligatorie, abbiamo potuto sentire argomentazioni valide e scientifiche a sostegno della cautela in materia vaccinale, ma soprattutto abbiamo potuto sentire tutti la profonda umanità, il coinvolgimento e la responsabile consapevolezza, sia dei relatori che del pubblico presente in sala. Era dal 1969 che non mi emozionavo in questo modo per una manifestazione! Vedere tante persone consapevoli unite dall’intento di difendere la vita e l’umanità, in un contesto nel quale la logica del profitto è l’unica a prevalere, è veramente confortante, e anche se la lotta per la liberazione dai parassiti che ci governano sarà senz’altro ancora lunga, fa ben sperare in un futuro amministrato da un’umanità consapevole.

La tutela della vita dovrebbe essere al primo punto del programma di ogni partito politico, cosa che assolutamente oggi non è, ma non preoccupatevi, o voi che volete governare i popoli come antichi imperatori, il risveglio dell’umanità è in atto. Ci vorrà di sicuro ancora del tempo, ma rassegnatevi, questa umanità non mollerà mai, e alla fine l’amore per la vita trionferà, a dispetto dei vostri profitti, guerrafondai e distruttivi.

 

Manifestazione Nazionale e Convegno per la Libertà di Scelta sui Vaccini

Manifestazione Nazionale e Convegno per la Libertà di Scelta sui Vaccini

 

Ciao a tutti,

facciamo appello alla partecipazione alla Manifestazione Nazionale e Convegno per la Libertà di Scelta sui Vaccini – Modena, 1 Aprile 2017, sarà un evento importate, partecipiamo numerosi per far sentire la nostra voce in un momento così difficile per la nostra sopravvivenza e la nostra libertà.

Info utili per Manifestazione Nazionale per la Libertà di Scelta sui Vaccini – Modena, 1 Aprile 2017 

Questa manifestazione è organizzata dall’Associazione Riprendiamoci il Pianeta – Movimento di Resistenza Umana (RIP).

Per garantire la sicurezza dei partecipanti, e per una corretta documentazione della manifestazione, è stato formato un Servizio d’Ordine Interno, e una Squadra di Reporter che effettueranno riprese fotografiche e video.

La manifestazione è animata da intenti non violenti. Per questo motivo, da parte dei manifestanti non saranno ammessi, né tollerati, comportamenti non aderenti a tale intento. Inoltre, non saranno ammessi slogan non condivisi da Riprendiamoci il Pianeta – Movimento di Resistenza Umana (RIP).

Chiunque avesse un comportamento violento di qualsivoglia natura, atteggiamento inopportuno e di dubbio decoro, verrà immediatamente isolato e allontanato dal corteo per mezzo del nostro Servizio d’Ordine Interno, che sarà riconoscibile grazie a delle specifiche pettorine colorate.

Nel caso in cui si creassero delle situazioni di tensione, o qualcuno avesse un comportamento scorretto, si raccomanda ai partecipanti di non raccogliere alcuna provocazione, ma di avvisare tempestivamente il nostro Servizio d’Ordine.

Durante la manifestazione e il convegno, al fine di garantire una corretta informazione e una buona documentazione, sarà operativa una Squadra di Reporter, facilmente identificabili perché provvisti di un cartellino di riconoscimento.

Programma completo della Manifestazione e Convegno:
http://riprendiamociilpianeta.it/manifestazione-nazionale-la-liberta-vaccinale-organizzata-riprendiamoci-pianeta-1-aprile-2017-modena/

Manifestiamo con gioia e risoluta fermezza nel rispetto reciproco.

LA LIBERTÀ DI CURA – NON CEDE ALLA PAURA

Riprendiamoci il Pianeta!

Per informazioni: info@riprendiamociilpianeta.it

Parcheggi ed info per raggiungere Concentramento Corteo Manifestazione c/o Largo Garibaldi – Modena e Convegno c/o Teatro Sacro Cuore, Viale Storchi, 249 – Modena

Parcheggio scambiatore Parco Ferrari – Via Emila Ovest
Vedi qui il tragitto a piedi verso Largo Garibaldi: https://goo.gl/94RtD9
Vedi tragitto a piedi verso il Convegno – Teatro Sacro Cuore – Viale storchi 249: https://goo.gl/XIJ8bF

Parcheggio di Piazza Giovani di Tien An Men vicino alle Piscine Comunali di via Dogali
Vedi qui il tragitto a piedi verso Largo Garibaldi: https://goo.gl/ooelsI
Vedi tragitto a piedi verso il Convegno – Teatro Sacro Cuore – Viale storchi 249: https://goo.gl/QYa2ye

Dalla Stazione ferroviaria di Modena – Piazza Manzoni
Vedi qui il tragitto a piedi verso a Largo Garibali: https://goo.gl/JPbGbI
Vedi tragitto a piedi verso il Convegno – Teatro Sacro Cuore – Viale storchi 249: https://goo.gl/VHXSzT

Slogan Manifestazione Nazionale per la Libertà di Scelta sui Vaccini – Modena, 1 Aprile 2017

1. IL RISPETTO DI UN DIRITTO – NON SI SCAMBIA COL PROFITTO

2. IMMUNITÀ DI GREGGE – L’IPOTESI NON REGGE

3. NON VINCERÀ CHI OSCURA – LA LIBERTÀ DI CURA

4. VACCINO CHE NON NUOCE – MOSTRATECI LE PROVE

5. VACCINI PER LA MASSA – COSÌ BIG PHARMA INGRASSA

6. LA LIBERTÀ DI CURA – NON CEDE ALLA PAURA

7. CENTO MILIARDI ALL’ANNO – CHE IMPORTA SE FA DANNO

8. NON DÀ PROVE CHI IMPONE – OGNI VACCINAZIONE

9. BAMBINI NEL MIRINO – OBBLIGO DI VACCINO

10. GIÙ LE MANI DAI BAMBINI, DATE PROVE SUI VACCINI

11. SE C’È RISCHIO DI ERRORE – DECIDE IL GENITORE

12. OGGI LA VACCINAZIONE – NEGA LA COSTIZUZIONE

13. DIRITTI UMANI NON CONTANO NIENTE – LASCIANO IL PASSO ALL’ESAVALENTE

14. RICERCA CONTROVERSA – MA L’OBBLIGO IMPERVERSA

15. IL RISCHIO IN CUI SI INCORRE – NON LO POTETE IMPORRE

16. COMBATTIAMO UNA PARTITA – AL SERVIZIO DELLA VITA

 

Vaccini, la Lorenzin vuole impedire la libertà in tutta Europa

Beatrice Lorenzin, ovviamente niente a che vedere con la creatura angelica declamata da Dante nella sua Divina Commedia. Questo invece, è un personaggio della tragedia che si sta verificando in Italia, in Europa e nel mondo, e invece che col paradiso, ha a che fare con i vaccini. Questa liceale classica, che è divenuta massima custode della salute di tutti gli italiani, bisogna dire che è veramente incazzata con chiunque metta in discussione i vaccini così come oggi sono concepiti.

Già è riuscita a proibire la proiezione del film inchiesta Vaxxed: From Cover Up to Catastrophe (guardatelo, ne vale veramente la pena) all’interno del Parlamento italiano, è ora riuscita ad impedire che venisse proiettato all’interno del Parlamento europeo. Ma chi difende veramente la Lorenzin? Siamo sicuri che sia solo preoccupata della salute dei nostri bambini? Io sinceramente qualche dubbio ce l’ho, anche perché il dato di fondo è che centinaia di milioni di euro finiranno nelle tasche delle multinazionali del farmaco, grazie all’obbligatorietà dei vaccini, adottata dal nostro governo per i nidi e le materne. Obbligo che vorrebbero estendere a tutte le scuole di ogni ordine e grado. Sì dai, vacciniamoci tutti sempre e comunque! Personalmente, ritengo che siamo davanti a un colpo di stato del fascismo sanitario.

Intanto bisognerebbe partire dal rispetto dell’articolo 32 della Costituzione, che garantisce la libertà di cura, ma visto che questi riciclati di governo hanno dimostrato di fregarsene alla grande della Costituzione italiana, dobbiamo stare ancora più attenti, perché questi stanno instaurando una vera e propria dittatura, nella quale il popolo, che già conta come il due di coppe quando vale bastoni, non potrà decidere proprio più niente.

Però vi dò un suggerimento, cari politicanti all’arrembaggio, state in campana anche voi, perché avete davanti il Drago che dorme, e lo ha dimostrato il referendum costituzionale, nel quale avete preso una sberla, che ancora è poco, ma che potrebbe farvi riflettere. Infatti, col vostro tentativo di stringere ancora di più il vostro dominio, avete risvegliato, seppur per poco tempo, il Drago che rappresenta il popolo italiano, che proprio stupido del tutto, come avete visto, non è.

Occhio quindi, che se ci svegliamo, e sarebbe l’ora, potreste finalmente andare a svolgere lavori socialmente utili, invece di devastare l’Italia. Il problema è che ancora nessuno, e ribadisco nessuno, nel nostro paese è in grado di coalizzare l’enorme disagio che gran parte della popolazione prova ormai da tantissimi anni. Non ci sono programmi veri,  in nessun partito o movimento, in grado di modificare strutturalmente questo sistema nella mani di quel Nuovo Ordine Mondiale, amministrato da occulte Massonerie, vera feccia del pianeta, che fa della guerra, della malattia e della distruzione, la propria ragione di essere e di guadagno.

Noi di Riprendiamoci il Pianeta – Movimento di Resistenza Umana se non altro ci riconosciamo in un programma che ha come cardine il rispetto per la vita al di sopra di ogni altra cosa, che non mi è sembrato di vedere nel programma di nessun partito o movimento, ammesso poi che un programma ce l’abbiano… ed è per questo che ci schieriamo a favore della libertà di scelta di cura, in genere, ed in particolare per i vaccini.

L’arroganza del potere, che impone vaccini a tutti, ripeto, oltre a fare l’interesse di multinazionali che non si sono mai distinte per la loro umanità, ma piuttosto per la ricerca del profitto, si fonda su tutto tranne che la scienza, che tanto viene sventolata, ma che non viene mai mostrata, dando per scontato che la scienza sono ‘loro’. Ma io intanto dubito di questa ‘scienza’ perché, nella sanità italiana e mondiale, ha dato troppi esempi di corruzione.

Poi basterebbe che la Lorenzin rispondesse, non a tutte le domande, che potrebbero essere tantissime, ma solo ad alcune, come per esempio:

1. Dove sono le sperimentazioni e le analisi compiute sui vaccini dalle case produttrici?

2. Perché il Ministero della Sanità, di fronte alle segnalazioni di tante ricerche indipendenti, invece di finanziare analisi autonome, si fida ciecamente di quanto semplicemente affermato dalla farmaceutiche, e scredita tutto il resto come bufala?

3. Le uniche analisi serie sui vaccini in Italia sono quelle condotte dal dottor Montanari e dalla dottoressa Gatti, pubblicate recentemente nell’articolo New Quality-Control Investigations on Vaccines: Micro- and Nanocontamination che sono a dir poco inquietanti, perché dimostrano che le decine di vaccini analizzati risultano tutti contaminati da nanoparticelle di metallo. Lorenzin, cosa vogliamo dire al riguardo? Tutta salute? Sono sicuri i vaccini?

4. Cosa ci fanno nei vaccini adiuvanti come alluminio, mercurio, squalene, ed altri, considerati fra le sostanze più tossiche al mondo? Dobbiamo veramente iniettarle nel corpicino di un neonato?

5. Questa non è una domanda, ma un’affermazione, ma smettetela con sta balla dell’immunità di gregge, non sta in piedi da nessuna parte, e vi serve solo a spaventare la gente, per convincerla a vaccinarsi. E di che gregge stiamo parlando? Quello che garantisce i profitti a Big Pharma?

Ecco ministro, ci dia qualche risposta, e magari dopo ci calmeremo, ma anche dopo, vorremo continuare a poter decidere che cosa fare della salute dei nostri figli, senza che nessun politicante ci venga a dire che dobbiamo per forza fare qualcosa di cui lui, o lei, sia convinto. Senza che nessuno vieti la libertà di informazione, che è sempre più limitata in questo paese, messo peggio che il cosiddetto terzo mondo.

Nel frattempo cara Lorenzin, non stiamo tranquilli, no no, e il 21 marzo 2017 verremo a trovarla a Roma davanti al Parlamento, e vedrà che saremo in tanti, nella manifestazione per la libertà di scelta vaccinale organizzata dal Comilva ma che vedrà la partecipazione di tante altre associazioni e comitati. Poi il 1° aprile 2017, le organizzeremo un bel pescetto a Modena, dove noi di Riprendiamoci il Pianeta faremo un’altra manifestazione, che terminerà con un bel dibattito pubblico informativo sulla scelta vaccinale.

Come si diceva nella mia gioventù, non è che l’inizio la lotta continua, forse il Drago si sta risvegliando…

 

Vaccini… colpo di stato del fascismo sanitario!

syringe-435809_640

Che l’Italia sia soggetta ad una deriva autoritaria che sta minando le più elementari norme di democrazia, per quanto illusoria, non è una novità. Ora il novello fascismo si sta manifestando pienamente in campo sanitario, con le imposizioni riguardanti i vaccini. L’accordo raggiunto ieri tra Stato e Regioni, per rendere obbligatori i vaccini pena il non accesso al nido e alla scuola materna, è il culmine, almeno per ora, di questo comportamento dittatoriale.

È bastata un po’ di campagna mediatica che diffondesse il panico per inesistenti epidemie, da parte dei media asserviti, da sempre, a questo regime, ed ecco che la maggioranza dei cittadini si sono ulteriormente convinti della bontà di tutti i vaccini. Cosa questa in realtà abbastanza discutibile, visto quello che hanno rivelato diverse ricerche indipendenti. Ovviamente, media e governo, non fanno altro che tentare di screditare i risultati di queste ricerche, senza prendere minimamente in considerazione, in maniera scientifica, dati veramente preoccupanti.

Ecco quindi che, ignorando completamente ogni possibile e ragionevole precauzione, siamo arrivati infine all’obbligo, pena l’esclusione dal nido e dalla scuola materna. Però le nanoparticelle di metalli continuano ad essere presenti nei vaccini, come hanno dimostrato le ricerche del dottor Montanari di Modena. E comunque rimane ancora un mistero perché nei vaccini debbano essere contenute, come adiuvanti, sostanze neurotossiche. E di sicuro le multinazionali del farmaco non mostrano nessuna seria sperimentazione da loro compiuta sui vaccini, che ci garantiscano la loro innocuità.

Così come rimane del tutto ipotetica la teoria dell’immunità di gregge, visto che fra l’altro, la copertura di un dato vaccino, per la malattia dalla quale dovrebbe immunizzare, è del tutto aleatoria, quando non del tutto inefficace. Però, oltre che obbligatori, i vaccini, in gran parte, sono diventati anche gratuiti. Gratuiti si fa per dire, visto che concretamente, non li paga la ministra Lorenzin, ma ce li scuciono dritti dritti dalle nostre tasche, e sono centinaia di milioni…

Io, per esempio, vorrei non pagarli, perché sono convinto che l’unico effetto benefico di questo fascismo sanitario, sia per le casse delle multinazionali del farmaco, la cosiddetta Big Pharma, che in questo modo, senza fornire nessun tipo di garanzia sui prodotti che ci rifilano, si incassano, senza colpo ferire, tranne i nostri, fior fior di quattrini.  E sai che cosa gliene può fregare al nostro bel governo della nostra salute? Io, così, per principio, conoscendo qualcosa della nostra classe politica, indagherei sui rapporti multinazionali-governo. Perché sono malfidente… posso solo ipotizzare…

Però il dato di fatto è che il governo usa i nostro soldi, per finanziare acquisti multimilionari da multinazionali alle quali, altrettanto, più che la nostra salute, interessa il nostro essere malati. Non ce n’è abbastanza per avanzare qualche dubbio? certo che no, la scienza prima di tutto, e la salute dei nostri bambini, ovviamente! Al punto che ogni dissenso deve essere punito, e già prevedono sanzioni contro i medici che avanzano qualche dubbio sulla validità di tutti questi vaccini, vuoi perché fatti tutti insieme, vuoi per le sostanze che contengono, vuoi per gli interessi che ci stanno dietro.

Quindi, invece di controllare che le multinazionali ci diano certificazioni sicure sui vaccini, puniamo i medici che, basandosi proprio sulla scienza, non quella vantata, o auto proclamata, ma quella dei laboratori, avanzano dei dubbi. Ma dove sono le analisi condotte dal Ministero della Sanità? Dove quelle delle multinazionali? Non si può ribattere semplicemente ‘la scienza siamo noi’ perché è ormai tramontata l’epoca del Re Sole, che affermava di essere lui lo Stato.

Ed è finita anche l’epoca di Mussolini, che ci ordinava di ‘Credere, Obbedire e Combattere’, senza contare che avremmo l’articolo 32 della nostra bella Costituzione Repubblicana che recita: La Repubblica tutela la salute come fondamentale diritto dell’individuo e interesse della collettività, e garantisce cure gratuite agli indigenti. Nessuno può essere obbligato a un determinato trattamento sanitario se non per disposizione di legge. La legge non può in nessun caso violare i limiti imposti dal rispetto della persona umana. E io voglio essere rispettato, e voglio che i bambini siano rispettati, e voglio garanzie su quello che viene iniettato nei loro piccoli corpicini! Non mi bastano le affermazioni di dubbia validità di chi si trincera dietro l’arroganza del proprio potere!

Eppure, è notizia di questi giorni che, per esempio, il dottor Miedico, è stato richiamato dall’Ordine dei Medici, per le sue posizioni prese, non tanto contro i vaccini in sé, quanto piuttosto per la libertà di scelta. Ma ci sembra un paese civile questo? La mia solidarietà va a tutti coloro che si sono battuti e si batteranno per la libertà di scelta, soprattutto, nel campo della salute. Credetemi, o voi che pensate di poter disporre delle nostre vite come meglio aggrada ai vostri meschini tornaconti, come si diceva tanto tempo fa, Ce n’est qu’un début, continuons le combat! Non è che l’inizio, la lotta continua, e continueremo finché non avremo affermato definitivamente la dignità della persona umana, alla faccia dei potenti che governano la Terra, che ormai di umano hanno ben poco. C’è ancora qualcuno invece, che umano vuole rimanere, ed è il tempo ora di dimostrarlo.

 

Ancora sui vaccini… cara Lorenzin, non fare terrorismo

Di pertosse si muore, dice la Lorenzin, anche no...
Di pertosse si muore, dice la Lorenzin, anche no…

 

Ieri l’altro sera, il ministro della salute Beatrice Lorenzin, è intervenuta in televisione sui vaccini, concludendo con una frase più o meno di questo tenore: ‘genitori, vaccinate i vostri figli, perché di pertosse si muore’.

La Lorenzin è sicuramente il cardine di una campagna di riscossa della pratica delle vaccinazioni, che fortunatamente, dico io, sono fortemente in calo nel nostro paese, l’unico, assieme alla Francia, che in Europa mantiene l’obbligo delle vaccinazioni.

Ribadendo quanto ho già trattato recentemente http://www.primapaginadiyvs.it/vaccini-in-calo-bene-nicoletti-vaccinati-tu/ in un articolo su queste pagine, reputo abbastanza sospetto tutto questo interesse per la nostra salute, quella degli anziani e dei bambini, da parte di istituzioni, che si sono mostrate, ormai storicamente, corrotte e colluse con le multinazionali del farmaco.

Insisto poi sul fatto che, come per molti altri farmaci, e pratiche mediche, è altrettanto lecito il sospetto sui vaccini, visto quanto negli anni abbiamo appreso anche solo dalle cronache, che ci hanno mostrato la pericolosità di determinati medicinali, e di ampie parti del mondo ‘scientifico’, spesso manovrato dagli interessi di Big Pharma.

Ricordo ancora una volta le ricerche del dottor Montanari sui vaccini, che hanno rivelato la contaminazione di 27 campioni su 28, con nanoparticelle di metalli, vere e proprie bombe ad orologeria, all’interno dei nostri corpi, in grado di produrre svariate patologie.

Voglio ancora ricordare che i miglioramenti del livello di salute della popolazione italiana, nel corso dell’ultimo secolo, è stato dovuto praticamente al miglioramento delle condizioni igieniche e dell’alimentazione, e che i vaccini sono entrati a far parte del nostro sistema di vita, in un momento in cui questo miglioramento si era già stabilizzato.

Ministro, le chiedo una cosa, perché non pubblichiamo delle belle statistiche, realistiche, e non falsate, delle cause di morte in Italia, che so, dal 1900 ad oggi, mettendoci dentro magari anche le morti causate dai vaccini, e magari le confrontiamo con le morti per le malattie che i vaccini dovrebbero debellare, nei periodi in cui i vaccini non c’erano?

Però, vediamo di non fare come con gli inceneritori, che alla fine, con i dati che pubblicate, va a finire che, i cosiddetti termovalorizzatori, sono un toccasana per la salute e per l’ambiente, e che ci possiamo mandare i bambini a fare l’aerosol.

Sa, sono di Modena, e qua ce l’abbiamo un inceneritore, e ce lo godiamo tutto, peccato però che le ricerche indipendenti non coincidano mai con i dati ufficiali, così come peccato che i dati sulla quantità di tumori, e le malformazioni provocate ad animali, per esempio, non riescano ad uscire dagli uffici, prendendo meandri polverosi…

Dai ministro, proviamo a fare un atto eroico, sleghiamoci dagli interessi delle multinazionali che producono vaccini, e facciamo un po’ di ricerche serie. Nel caso uscisse che veramente i vaccini fanno bene, vacca boia, me ne faccio una ventina tutti in una volta, assieme a lei però…

Vaccini in calo? Bene! Nicoletti, vaccinati tu!

nurse-527622_640

Finalmente il numero delle persone che fanno uso di vaccini, o che fanno vaccinare i propri figli sta calando considerevolmente. Questo perlomeno è quello che affermano, con grande, direi falsa, preoccupazione i media, che supportano ormai unanimi le politiche delle multinazionali del farmaco.

Questi paventano morti in massa di bambini per pertosse o morbillo, ma dimenticano che probabilmente i morti per i vaccini sono di più delle presunte morti evitate con la pratica delle vaccinazioni (http://siamolagente.altervista.org/cose-che-nessuno-vi-dice-145-000-bambini-morti-a-causa-dei-vaccini-negli-ultimi-20-anni/ ).

Anche in questi giorni, è partita una campagna pubblicitaria televisiva, a sostegno dei vaccini, per ‘l’emergenza influenza’, che quest’anno si starebbe presentando in anticipo… mamma mia che paura!! L’influenza…

Non avrà valore statistico, né scientifico, ma mia madre di 83 anni, che gode fortunatamente di buona salute, di solito si becca l’influenza dai suoi amici che hanno fatto il vaccino, e che regolarmente si ammalano, mentre lei, che non si vaccina, pur cedendo ogni tanto al contagio degli amici vaccinati, si riprende normalmente meglio e più in fretta di loro. Voi vaccinatevi pure, ma io no, grazie.

Al coro dei fan delle multinazionali del farmaco, che ovviamente non pochi interessi economici hanno nella vicenda, si è aggiunto anche Gianluca Nicoletti, il mellifluo conduttore di Melog, il programma radiofonico di Radio 24, che in un breve video su internet, sul sito de La Stampa, che i torinesi chiamano amabilmente ‘La Busiarda’, e ci sarà un perché, ci prepara un brodo con vaccini, scie chimiche, rettiliani, complotti e cerchi nel grano, tutto concentrato in un minuto e mezzo di filmato.

Il nostro Nicoletti ci ricorda poi che noi italiani siamo più propensi a credere agli sciamani che non agli scienziati… Nicoletti, quali sono gli scienziati? Quelli che hanno preso tangenti da Big Pharma per fare campagne pro vaccini, e medicinali in genere? Quelli che ci ha mostrato la nostra sanità, che operano persone sane per fare profitto? Quel 90 per cento di ricercatori finanziati sempre dalle multinazionali per fare le ‘loro’ ricerche?

Quelli che prendono i regali degli informatori medico-scientifici (sempre scienziati sono), per spacciare farmaci, che magari negli anni si scoprono essere gravemente tossici?

Oppure consideriamo scienziato anche il dottor Stefano Montanari, direttore scientifico del laboratorio nanodiagnostics di Modena, che ha esaminato a sue spese ben 28 vaccini, trovandoli TUTTI, tranne uno, contaminati da nanoparticelle di vari tipi di metalli. Questo oltre alle altre diverse sostanze che vengono aggiunte ai vaccini, e che non dovremmo inocularci così tranquillamente (http://autismovaccini.org/2015/10/10/parliamo-ancora-di-vaccini/).

Caro Nicoletti, guarda che i complotti c’è chi li fa, e c’è chi li denuncia, poi ci sono quelli, che, difficilmente in buona fede, li coprono con belle facce d’angelo, e parole dolci, o minacciose. Documentati, se non l’hai già fatto, sulle ricerche del dottor Montanari, e di sua moglie, la dottoressa Gatti, e poi dimmi se vale la pena vaccinarsi, o se magari, qualche legittimo dubbio non è il caso di porselo.

Fra pochi giorni, il dottor Montanari relazionerà al parlamento francese sulle sue ricerche sui vaccini, e sarà ascoltato, ma in Italia, paese di sciamani, come dici tu, non lo sentiremo mai, mentre è accaduto qualche anno fa, che un ministro della Salute, con tanto di ‘scienziati’ a corredo, previa campagna terroristica su di una inesistente influenza aviaria, facesse acquistare a spese nostre 150 milioni di dosi di vaccino per la ‘terrificante epidemia’.

Queste dosi rimasero ovviamente inutilizzate, vista l’entità dell’epidemia, fino a che non vennero ‘riciclate’ per fare vaccini anti-influenzali, e vogliamo parlare di scienza? Io direi che dietro alle belle facciate degli interessi dei farmaci c’è uno schifo infinito, altro che scienza!

Per quello che riguarda le scie chimiche, caro Nicoletti, ti devo dire una cosa, sai che esistono? E non sono nemmeno tanto segrete, vista la quantità di studi esistenti sulle modificazioni climatiche fatte con aerosol avio-dispersi. Poi nel caso non ti bastasse, chiedi al generale Fabio Mini, cosa ne pensa della geoingegneria, e poi smettila di parlare tanto per parlare.

Infine, anche i rettiliani esistono, ma purtroppo tu non ne fai parte, perché loro sono grandemente affascinati dalle emozioni che proviamo noi umani, mentre tu mi sembri piuttosto di un’altra razza aliena, particolarmente anaffettiva, che non si rende veramente conto di dove stanno i veri rischi per la vita.

Lascia stare, non cercare di terrorizzare i genitori, con lo spauracchio della morte dei loro bambini, tu che dovresti essere un giornalista, non stai facendo informazione, documentati un po’ meglio, e magari fai una ricerca più approfondita su tutta la storia dei vaccini.

Dai… facci sapere come va, eh? Mi raccomando…

 

Il vaccino antinfluenzale è pericoloso? L’Aifa blocca due lotti

vaccino_antinfluenzale__bloccate_alcune_dosi_755

Tre decessi avvenuti dopo la somministrazione del vaccino antinfluenzale Fluad hanno costretto l’Agenzia del farmaco a sospendere le vendite di due lotti del prodotto della Novartis Vaccines and Diagnostics Srl. Le due partite incriminate sono la n. 142701 e la n. 143301. L’Aifa consiglia agli eventuali possessori del Fluad di controllare il lotto di produzione e nel caso di corrispondenza di contattare il medico curante.

In questo periodo dell’anno si riaccende il dibattito: i vaccini antinfluenzali sono così necessari come ci vengono presentati? Un articolo di AAm Teranuova riporta il pensiero di Peter Doshi, ricercatore alla facoltà di medicina della Johns Hopkins University. Secondo il ricercatore la campagna per la vaccinazione anti-influenza, divenuta sempre più martellante ed intrusiva, ha reso il vaccino un bene di consumo irrinunciabile e richiestissimo. Il vaccino antinfluenzale ai suoi esordi venne proposto come una cura salvavita. Nei primi anni novanta soltanto gli anziani e certi “ammalati” erano considerati a rischio. Negli ultimi anni la fascia di popolazione “interessata” è stata ampliata così tanto da finire per comprendere quasi tutti. Per Doshi i rischi dell’influenza come i benefici del vaccini sono sovra stimati, inoltre i vaccini antinfluenzali non sono neanche così sicuri come vogliono farci credere

Per colpa dell’ingente giro dei soldi che ruota intorno ai vaccini è difficile risalire a dei dati certi per capire la linea di demarcazione tra il necessario e l’indotto. Le pressioni delle multinazionali del farmaco sono innegabili. Nel 2013, con l’enfasi degna del “ventennio più nero”  il Giornale, per contrastare il virus del momento, sottolineava che era stato trovato l’accordo per gratificare in denaro i medici di famiglia che vaccinavano di più, superando una certa soglia di percentuale dei loro pazienti.

Nonostante le rassicurazioni della classe medica, risulta difficile non avere dei sospetti sui vaccini antinfluenzali e sui vaccini in generale. Vedremo cosa stabiliranno le ricerche condotte dall’Aifa, ma fino a che non impediremo a Big Pharma di estendere i suoi lunghi e tentacolari bracci, non riusciremo neanche a sfogare una febbricola in santa pace.

Un vaccino ha causato l’autismo: storica sentenza del Tribunale di Milano

vaccino 7

Il vaccino esavalente Infanrix Hexa ha provocato l’autismo.Il 23 settembre 2014  il Tribunale di Milano ha stabilito che un bambino di nove anni deve ricevere un indennizzo dallo Stato, in quanto ha sviluppato la malattia dopo la somministrazione del vaccino. Secondo Repubblica.it,  il Ministero, condannato a pagare un vitalizio, avrebbe fatto ricorso. Comunque vada,  lo storico verdetto del Tribunale di Milano non può essere nascosto agli occhi del mondo. Ogni famiglia deve essere informata di ciò che può capitare ai figli. Basta con questo velo di omertà sui vaccini. Non più tardi di un mese fa ho sentito con le mie orecchie una neuropsichiatra infantile definire una sciocchezza la possibile correlazione vaccini autismo.

Per difendere l’indifendibile la litania più gettonata è: il mondo scientifico non ritiene vero che vi sia un nesso tra i vaccini e l’autismo. Io consiglierei di andare a visitare un bambino autistico e di parlare con i suoi genitori. Invece di trincerarvi dietro le vostre finte certezze confrontatevi con chi ha visto “covare” la malattia dopo le vaccinazioni obbligatorie. Come mai diverse famiglie hanno deciso di dar vita a delle associazioni che si battono per vedere riconosciuta la pericolosità dei vaccini?

Il  perito del Tribunale ha dichiarato che il vaccino accusato mostra una specifica idoneità lesiva per il disturbo autistico. Già nel 2012 l’Infarix, per il rischio di contaminazione batterica è stato ritirato in 12 paesi dell’Unione Europea e in Australia. Nella terra dei canguri si sono accorti che il vaccino conteneva concentrazioni elevate,  se rapportate ad un bambino di un anno, di un disinfettante al mercurio. L’Infarix, prodotto dalla multinazionale Glaxo Smith Kline, è stato somministrato dalle Asl italiane secondo l’obbligo di legge. Come è possibile che lo Stato inietti del veleno in un bambino? Quali schifezze contengono i vaccini? Infine le multinazionali che ruolo hanno in tutto questo? Tra l’altro l’indagine del Tribunale ha appurato che durante la sperimentazione del vaccino erano stati occultati cinque casi di autismo. Ormai è evidente che vi è un lato oscuro nelle vaccinazioni e in molti se ne sono accorti, per Tg.com  il numero delle famiglie che decidono di non far vaccinare i propri figli cresce ogni anno di 5.000 unità.